Search
  • Roberto Mallardo

Come arredare il soggiorno: idee e consigli

Il soggiorno, all’interno di un’abitazione, è considerato l’ambiente destinato alla socializzazione, dove si accolgono ospiti, dove si guarda un film, dove ci si apparta per momenti di relax, al gioco o alla lettura, che sia un luogo associato alla cucina o ricavato in una stanza autonoma, è ufficialmente l’anima di una casa, anzi, ne è l’immagine .

Proprio per queste molteplici funzioni, solitamente al soggiorno è dedicato l’ambiente centrale dell’abitazione, il più importante dal punto di vista locativo ma soprattutto il più capiente.

L’arredo del soggiorno definisce lo stile di un’abitazione e scegliere gli elementi giusti, allocarli nel modo corretto, è importante per avere una gradevole armonia ed equilibrio nell’ambiente che possa infondere ospitalità e comfort, oltre che gusto e design... Colore, illuminazione e finiture, possono contribuire a rendere lo spazio unico e personale ma allo stesso tempo pratico e funzionale.

Ci sono, però, delle caratteristiche fondamentali che bisogna prendere in considerazione, in particolare, valutare le dimensioni dell’ambiente, la sua luminosità ma soprattutto lo stile che si vuole imprimere (moderno, minimal, contemporaneo, design o classico). Soltanto considerando questi tre importanti elementi, si può procedere con la scelta degli arredi e dei complementi in grado di dare un tocco di eleganza e unicità al proprio soggiorno.

Il primo passo, quindi, prima di procedere con la scelta dell’arredo, è quello di prendere le misure dell’ambiente e creare una piantina per avere sempre sott’occhio le dimensioni dello spazio e quelle da destinare ai singoli elementi decorativi.

Nel caso in cui si ha a disposizione un soggiorno dalle dimensioni piccole, o standard, bisognerà far attenzione nel far entrare tutti gli elementi in uno spazio limitato, al contrario, in un soggiorno grande il problema è esattamente opposto, bisognerà fare attenzione a riempire lo spazio senza concentrare tutto in unica zona. Ogni ambiente andrebbe pensato secondo una logica ben determinata, valutando le funzioni: zona relax, lettura, socializzazione, ecc.


Come arredare un soggiorno piccolo.

Uno dei principi base nell’arredamento di un soggiorno piccolo è bilanciare gli elementi d’arredo. Tenersi a distanza da un eccessivo sovraccarico di elementi consente, infatti, di avere più margini per la mobilità interna e per successivi riadattamenti.

Quando si ha a disposizione un ambiente ristretto per il soggiorno, bisogna partire dalla sua forma per scegliere la locazione del divano, del mobile tv, di eventuali poltrone, tavolini e librerie per rendere la zona living completamente funzionale.

Le eventuali “imperfezioni” strutturali che caratterizzano un soggiorno piccolo, come ad esempio una ridotta luminosità, un’eccessiva “altezza”, la presenza di pilastri o altri ostacoli che non si possono eliminare, potrebbero diventare il punto di partenza per ridefinire gli spazi interni e ottenere il massimo dallo spazio a disposizione.

Sebbene ogni caso sia unico e richieda un progetto specifico, anche sulla base delle attese di chi “vivrà” il soggiorno, ci sono alcune regole che possono essere valide per varie tipologie d’interni.

Puntare sui colori chiari potrebbe essere una scelta intelligente perché essi tendono ad ampliare le dimensioni dello spazio. Sia per le pareti, che potranno acquisire luce dall’esterno che per i tessili, dalle tende ai tappeti, le tinte chiare, pastello o neutre, contribuiranno a far apparire molto più grande la stanza. Nel caso in cui si volesse dare un tocco di colore più vivido, invece, si può giocare con i tessuti degli accessori come cuscini, paralumi, coperte e tappeti ponendoli in punti strategici della stanza, cercando, come già accennato, di non sovraccaricare lo spazio e rompendo però a sua volta la monotonia.

Per un piccolo soggiorno, l’ordine e la pulizia sono essenziali. Riviste e libri troveranno luogo ideale negli appositi contenitori a muro, in legno, cartongesso o metallo, dove riporli dopo la lettura. Sfruttare le altezze aiuterà ad avere più spazio.

Ovviamente, in uno spazio piccolo non è possibile inserire un divano con sedute multiple o a “L” poiché potrebbe occupare troppo lo spazio. Una giusta alternativa è quella di incorporare un pezzo unico con un design confortevole e originale, che dà carattere al proprio soggiorno ma soprattutto che occupa meno spazio di un divano tradizionale. In ogni caso, è possibile aggiungere uno sgabello per pouf non molto grande, in modo che esso possa fungere da posto extra per gli ospiti ma soprattutto che possa essere utilizzato anche in un'altra stanza in caso di bisogno.

Un altro elemento d’arredo che aiuta ad aumentare lo spazio visivo è quello di utilizzare nel salotto, in zone strategiche, degli specchi, donando allo spazio anche un maggiore senso di libertà.

L’illuminazione è, ovviamente, il più grande alleato all’interno di uno spazio piccolo, è utile approfittare della luce naturale che entra dalle finestre cercando di non oscurarla con delle tende oscuranti. Per quanto riguarda la luce artificiale, meglio utilizzare lampade da tavolo o piantane in punti strategici, ad esempio accanto al divano o su un tavolino, in modo che tutto sia in armonia e lo spazio resti libero nel centro della stanza.

Preferire tende che, si estendono dal soffitto fino quasi a toccare il pavimento, è una buona scelta per conferire l’impressione di un maggiore slancio all’ambiente.

I tappeti, invece, sono molto utili a delimitare gli spazi, creano come una sorta di perimetro virtuale e tornano utili per delimitare in modo naturale, gli spazi liberi per i nostri ospiti.

Nelle stanze piccole il tavolo occupa spesso gran parte dello spazio oppure è scomodo quando si tratta di muoversi, la soluzione migliore ovviamente è l’inserimento d’appoggio il quale è di grande aiuto: possono servire come un piccolo tavolo centrale o posto ai lati del divano per poggiare cose.


Come arredare un soggiorno grande.

Possedere un soggiorno di ampia metratura e spazioso, ormai, è un privilegio raro, ma spesso ci si trova di fronte alla medesima difficoltà nel trovare soluzioni efficaci e funzionali per arredarlo nel migliore dei modi. Certo, questo problema nasce da presupposti opposti, a quelli sopra elencati, ma è altrettanto complesso trovare la soluzione giusta, in quanto, il rischio maggiore è quello di ritrovarsi in un ambiente vuoto, freddo e poco intimo.

Il soggiorno di oggi non è più quello di una volta, quello che i nonni o i nostri genitori custodivano con tanto amore, quasi sottochiave, rendendolo un luogo sacro e inaccostabile, aperto solo per le grandi occasioni. Al contrario, oggi, è considerato un luogo polifunzionale e di socializzazione, tutto ruota attorno alla sistemazione del divano poiché è l’elemento più grande, più ingombrante e che è necessario porre come primo in modo da offrire il migliore comfort possibile a se stessi ed agli ospiti.

Un divano di grandi dimensioni collocato nella parte mediana della sala, permette di separare idealmente la stanza, posto ovviamente frontalmente alla tv, per gustarsi una prima visione o guardare una partita, mentre, sui lati è possibile collocare delle poltrone singole o altri divani che andranno a realizzare la tipica forma a “ferro di cavallo”.

Per rendere affascinante il soggiorno è ipotizzabile inserire un camino, il quale, donerà calore all’ambiente oltre a rappresentare un vero e proprio complemento d’arredo. La posizione, è subordinata alla tipologia di camino che si predilige: classico a legna o moderno (ad esempio a pellet o bioetanolo), pratici e compatti, i quali riescono a soddisfare tutte le esigenze delle abitazioni moderne.

La disposizione dei divani, purché rimanga sempre libera a piacimento, sarà in funzione del camino, in modo da ricreare un angolo ricercato ma accogliente.

La libreria, invece, può diventare un altro elemento divisorio in un salone, separando la zona relax con tv e camino da quella per la lettura, o le conversazioni con amici e familiari.

Dopo aver definito la zona intrattenimento, nei soggiorni moderni è possibile predisporre un angolo musica con giradischi o impianto hi-fi, secondo i gusti e del proprio stile, o ancora una zona gioco con un tavolo da biliardo.

Ovviamente, come per un soggiorno di piccole dimensioni, è importante anche il fattore illuminazione, data la sua ampiezza, rischia di avere alcune zone al buio o in penombra che deteriorerebbero l’aspetto estetico della stanza. Se invece, il soggiorno è dotato di grandi vetrate, è fondamentale approfittare della quantità di luce naturale. E’ importante definire un impianto illuminotecnico diviso su tre livelli: luce generale, che deve essere morbida e diffusa, capace d’integrarsi con la luce naturale quando questa scarseggia e rilassante; luce intermedia per evidenziare una particolare zona, per esempio la libreria o i quadri; luci d’accento, concepite per essere parte della decorazione, per esempio attraverso lampade da tavolo o piantane.

Un altro elemento decorativo molto importante sono le pareti, sulle quali ci si può puntare per rendere il soggiorno armonico. Oltre ai mobili, è possibile applicare una finitura decorativa lungo una o più pareti. In alternativa, si potrebbe anche decidere di puntare sui quadri per riempire la parete, alternando dimensioni e generi diversi.

A corredo dei mobili non bisogna dimenticarsi della gestione delle tende, tappeti e tavolini ma anche di piante, le quali donano carattere decisivo all’interno di un grande ambiente. I tappeti, invece, rappresentano una soluzione preziosa per marcare le zone all’interno dell’ambiente. Ad esempio, possono essere piazzati tra i divani o sotto il tavolo da pranzo, individuando e differenziando immediatamente le aree.

Naturalmente non trascuriamo quel giusto tocco di personalizzazione capace di dare al proprio soggiorno uno stile che rifletta il nostro modo di essere. Soltanto in questo modo possiamo differenziarci, creando una stanza della casa unica nel suo genere e capace di colpire l’attenzione di chi vi entra.


238 views
  • Black Facebook Icon
  • Black Instagram Icon